• inserzioni
    6
  • commenti
    0
  • visualizzati
    490

La Fede - Ortodossia

Accedi per seguirlo  
Che mi seguono 0
Pippomaster92

162 visualizzazioni

La Chiesa di San Judd

 

 

 

“Se le leggende e le favole raccolte nei libri sono fondate su eventi reali, un tempo il mondo era pieno di divinità. Numi tutelari dei campi, della famiglia, entità sovrannaturali dedite a specifici aspetti della vita quotidiana. Si racconta di un dio della guerra, uno della morte e di una dea della magia. Ma queste superstizioni sono relegate nel passato, fortunatamente. Si tratta di storie dettate dall'ignoranza e dal grande uso di magia che si faceva nel passato. Sicuramente molti incantatori hanno sfruttato i loro poteri per compiere grandi opere, e sono stati ricordati più come esseri sovrannaturali che come semplici mortali.
La verità la conosciamo tutti.
La verità è che esiste un unico Dio, San Judd, umile mortale che donò la propria vita affinché tutti gli uomini potessero salvare la propria anima. Sappiamo bene che solo grazie a San Judd possiamo sperare in una vita dopo la morte, una vita felice lontana dai pericoli dell’aldilà. È stata la sua morte a purificare il mondo e a risvegliare le genti dal lungo letargo della fede che le aveva colpite.

Sulla vita di San Judd ci sono molte speculazioni, pochi dati certi. Sappiamo che ha vissuto come semplice artigiano per la maggior parte della sua vita, in modo parco e umile; sappiamo che non ha mai fatto del male in nessun modo, e che ha dovuto lottare per restare puro e onesto in un mondo di corruzione e malvagità. Ciò che viene riportato con precisione è quello che riguarda il suo ultimo anno di vita, la sua lotta non violenta per un mondo migliore, lotta che lo ha portato alla decapitazione pubblica. Ma la sua morte non è stata che una liberazione dello spirito dalla carne, e sul patibolo San Judd ha fatto la sua prima apparizione miracolosa, donando la Vista al suo stesso boia e concedendo la beatitudine a tutti coloro che si trovavano al suo cospetto. Non è stato un cammino semplice e privo di pericoli, quello che da quel singolo atto divino ha condotto ad un mondo civilizzato e rispettoso della religione. Per quasi duecento anni i bravi judditi hanno subito persecuzioni e attacchi portati con violenza e malvagità; per altri cento anni la chiesa ha faticato ad crescere, dilaniata dalle eresie.
Ma la fede trova sempre una via, e se oggi siamo tutti nella grazia di San Judd, è grazie al sacrificio di innumerevoli uomini di chiesa”
.

                                                                                                                                                              [Dall'introduzione del “Libro della Fede”, di Arthur J. Boole, Tuckerland, autunno 855 p.J.]

 

 

La Chiesa di San Judd è un organismo complesso. Al centro di tutto, in Patria, si trova un consiglio di sei Padri Santi, che dirigono il resto dell’organizzazione. Ma a Revelation il potere dei Santi è debole e la loro mano non riesce ad interagire con la popolazione come vorrebbero.
Oltre alla distanza, un ostacolo valicabile con l’uso dei poteri di San Judd, il problema più grave è dato dalla disciplina.
I singoli preti, o Padri Beati, sono governati in teoria da un numero ristretto di Padri Benedetti che a loro volta riferiscono solo ai sei Santi. Ma Revelation è grande, troppo grande: i Beati devono spesso viaggiare da un luogo all’altro, fermandosi pochi giorni in ogni comunità; anche così ci sono villaggi dove un uomo di chiesa compare una sola volta all’anno. E i Benedetti debbono quindi concedere più libertà ai loro subordinati, affinchè non vi siano fedeli troppo lontani dalla parola di San Judd. E quindi i Benedetti devono prendersi libertà a loro volta, disubbidendo a volte agli stessi Santi.
In conclusione, i Santi hanno da tempo deciso di lasciare perdere la faccenda, e prestare attenzione solo alla nascita di eresie e correnti di pensiero troppo distanti dall’ortodossia.
Non tutti gli uomini possono diventare Padri. È necessaria la vocazione, e la vocazione non si può simulare in nessun modo. Quando giunge il momento, un uomo viene chiamato direttamente da San Judd e riceve una prova della chiamata nella forma di taumaturgia, glossolalia o altre capacità straordinarie. Seguono anni di studio di testi sacri e di apprendistato come guaritore, oratore e teologo. Dopo un periodo di studi di circa cinque o sei anni l’uomo (o, in certi casi, la donna) diventa a tutti gli effetti un Padre Beato.
Gli viene assegnata una giurisdizione territoriale oppure, a Revelation, una regione intera. Starà al singolo individuo organizzarsi per ottemperare alle richieste dei fedeli. Un Padre deve infatti lenire le sofferenze del fisico e dell’anima, officiare battesimi, matrimoni e riti funebri. Non esiste un rito per mondare i fedeli dai loro peccati (per quanto un’eresia del passato l’abbia preso in considerazione), dato che solo San Judd in persona può perdonare la cattiva condotta.
Sulla natura dei poteri dei Padri c’è una certa confusione, anche oggi. La teoria più comune sostiene che San Judd fornisca ai fedeli il potere sopra la materia, ma al contempo imponga uno studio della magia affinchè la disciplina e la fatica rendano più saggi i suoi emissari. Ovvero, questo spiegherebbe come mai un Padre debba comunque studiare per anni l’uso della magia, anche se dotato fin dall’inizio di poteri di origine divina.

Ultimamente a Revelation la situazione religiosa si è fatta più…calda. Le Banche hanno deciso di dare un giro di vite agli atteggiamenti troppo indisciplinati di alcuni Padri, e negli ultimi tre anni un gran numero di uomini di chiesa è giunto dalla Patria, al chiaro scopo di sistemare la faccenda in fretta. L’Agenzia sta collaborando in modo attivo, aprendo anche alcune scuola per Padri che desiderano incrementare la propria utilità per la società. Solo adesso si vedono i primi risultati: i cosiddetti Padri con la Pistola, uomini di fede che con integerrimo senso morale schiacciano chi si oppone al vero Verbo di San Judd. Anche gli altri Padri, a volte.

Un Padre non è sempre facile da riconoscere, a prima vista. Innanzitutto non c’è una “divisa” per il clero, ma semplicemente un simbolo sacro, il rombo dorato, che i fedeli in genere non portano (invece, i fedeli hanno spesso una riproduzione di u rombo dorato, spesso su fondo blu o nero).

Il libro sacro per eccellenza è La Buona Verità, scritto dallo stesso San Judd prima del martirio. Da esso sono tratti passi letti durante le funzioni; la maggior parte delle preghiere, invece, ha una duplice valenza. Possono essere pronunciate da un fedele ed esprimere “solo” la propria devozione, ma sono anche le formule per gli incantesimi del clero.

In genere solo in Patria e nelle grandi città ci sono chiese; di solito un Padre si riunisce con i fedeli in qualsiasi spazio abbastanza grande pe contenere tutti. Un saloon, una Banca, un tendone eretto all’aperto: l’importante è la fede, non la chiesa.

 

 

 


A 1701E piace questo contenuto
Accedi per seguirlo  
Che mi seguono 0


0 Commenti


Non ci sono commenti da visualizzare.

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente registrato per poter lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account e registrati nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora