• inserzioni
    6
  • commenti
    0
  • visualizzati
    494

Newheaven

Accedi per seguirlo  
Che mi seguono 0
Pippomaster92

152 visualizzazioni

Newheaven.jpg.87dec5bd3c7857195f846d0fc7

[Nota: 1 cm sulla mappa sono 428, 57km]

Ho deciso di soffermarmi, per ora, sulla regione dove si svolgono gli eventi della campagna “The Ballad of Black Hand Finn”. 

Nonostante le grandi pianure e le estensioni semi-desertiche il Newheaven è la regione più popolata di Revelation. Le città sorgono numerose sia sull’oceano che sui laghi; nel mezzo sono stati eretti numerosissimi villaggi, molti lungo le strade altrimenti spoglie che collegano l’entroterra selvaggio con la civile costa.

Le città più importanti dell’oriente sono, partendo da nord, Tuckerland, Jeanville e Adderport. Tre porti molto frequentati, dove il principale reddito è il commercio e non la pesca. Queste città sono rette dalle sedi centrali di alcune delle più prestigiose Banche del Nuovo Mondo, rispettivamente dalla Banca Tucker, dal Banco del Drago e dalla Banca della Libertà. 
Una visita superficiale potrebbe far sembrare queste tre città identiche tra loro, ma in verità le differenze sono importanti. 
Tuckerland è la più grande delle tre, con più di trecentomila abitanti e una fiorente produzione agricola che può permettersi di esportare ad ovest e a sud.
Jeanville, stretta tra mare e montagne, è l’unica città di Revelation ad avere un cantiere navale efficiente e produttivo. Le navi costruite nei suoi bacini sono dotate di una linea elegante e sono notoriamente robuste.
Adderport sfrutta la vicina baia per l’allevamento di pesci, ma è più nota per essere il porto dal quale partono navi per il sud del mondo. 
Tra i tre grandi porti sorgono piccoli villaggi di pescatori e porti che fungono da scalo per le navi che percorrono la costa, ma nessuna città di grande rilevanza.

Nell’entroterra invece la città più importante è senza dubbio New Bank City. Effettivamente potrebbe essere definita come la capitale di Revelation, se questo avesse un qualche significato. È certo che ospita la sede centrale della Banca Centrale Unificante, che allunga da decenni le sue mani su tutto il Nuovo Mondo. E non va dimenticato che qui sorge la sede centrale dell’Agenzia. New Bank City è popolosa e variegata, con strade eleganti e decorate da statue ma anche con vicoli putridi e pericolosi. In cerca di lavoro o successo moltissimi giovani cercano di raggiungerla, ma i suoi dintorni sono notoriamente infestati da briganti e criminali. 

Sulle rive dei laghi di sabbia si trovano invece tre città di tutt’altro tipo. Qualcuno potrebbe fare una sorta di paragone con quelle che sorgono sulla costa oceanica, ma si tratterebbe di una similitudine molto tenue.
Drylake City è una cittadina di modeste dimensioni, eretta al riparo dalle tempeste di sabbia e in una zona facile da raggiungere da est. Qui si parte con le grandi navi della sabbia per discendere i tre laghi secchi, ma la località è famosa per altri due elementi: una comunità majabita e una miniera d’argento.
Jacktown prende il nome proprio dalla figura delle carte, e per un buon motivo: è la città del gioco d’azzardo. Qui si trovano casinò, saloon e sale da gioco di ogni risma, e si possono perdere o guadagnare vere fortune. Costruita su una strettoia del Drylake, poco prima che questo diventi il Deadlake, è anche un facile punto dove attraversare per recarsi nell’estremo ovest.
Lagerto Ville, come suggerisce l’etimologia, fonda la propria economia sull’allevamento intensivo di lucertole domestiche, siano esse utilizzate come animali da trasporto, cavalcature, guardiani, cacciatori o pietanza. 

Nel mezzo tra questi due sistemi di città si trova un’estensione incredibilmente vasta di nulla. Campi coltivati e pochi villaggi, qualche cittadina costruita vicino ad un corso d’acqua o una miniera, qualche rovina ormai saccheggiata da tempo. Si sopravvive allevando e coltivando, ma soprattutto fornendo cibo e alloggio ai viaggiatori che frequentano le strade. 
Queste ultime sono in continuo mutamento, a seconda dei pericoli naturali e delle cittadine che attraversano. Il progetto di una strada ferrata è ancora un sogno ad occhi aperti, e tutti coloro che vogliono spostarsi devono farlo su strade sterrate e polverose (o fangose), utilizzando l’esperienza dei capo-carovana o mappe vecchie e rovinate.

La flora è tipica delle pianure, con pochi boschi nel nord e vicino a New Bank City, e molti tratti ricoperti solo da basse piante, cespugli e alberi rachitici. Si coltivano la patata, il mais, il grano, l’orzo e vari legumi. Gli altri ortaggi faticano a crescere in queste terre, salvo in poche zone fortunate. L’allevamento è a base bovina, con gli ovini al secondo posto e pollame per il proprio sostentamento personale.

La fauna invece è particolarmente varia, e spazia dai cervi alle viverne.
Gli erbivori più comuni sono cavalli selvaggi, cervi grigi, cervi dalle corna piccole, lagertos dalla coda bianca, capre selvatiche, uri.
I carnivori più comuni sono coyote, volpi, lagertos verdi, ragni giganti.
Una nota in particolare va fatta a riguardo dei crotali di Bale, in grado di raggiungere i tredici metri di lunghezza. Fortunatamente rare, le grandi viverne dalle ali blu sono l’apice della catena alimentare. Le viverne più piccole, seppur non comuni, sono presenti in tutto il territorio. 
 


A 1701E piace questo contenuto
Accedi per seguirlo  
Che mi seguono 0


0 Commenti


Non ci sono commenti da visualizzare.

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente registrato per poter lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account e registrati nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora