Blog Kursk

Accedi per seguirlo  
Che mi seguono 0
  • inserzioni
    52
  • commenti
    218
  • visualizzati
    623

Capitolo 45: ENGINEERING

Accedi per seguirlo  
Che mi seguono 0
Kursk

219 visualizzazioni

Giorni 397 - 402: "LASCIAMO CALMARE LE ACQUE"

NdSM: eravamo rimasti con i nostri cinque ancora "ospiti" di una clinica medica specializzata in non-umani per riposare e recuperare tute le varie magagne accumulate in pochi giorni di permanenza su Coruscant.

Solo la sera prima i nostri eroi sono giunti fin qui in cerca di cure e riparo; adesso e' mattina ed un sonno ristoratore ha rinfrancato notevolmente lo wookie ed il twi'lek, il buon riposo ha dato i suoi frutti ed i due provano a fare un "bilancio" della situazione ... la conclusione e' ovvia ma e' anche sensata e saggia: "... c'e' stata troppa confusione in questi giorni ... abbiamo sollevato un gran polverone ... meglio lasciare calmare le acque prima di rimetterci a fare confusione per recuperare la Exxodus e tornare nello spazio!".

Di li' a poco mentre Geego-Gin affitta stanze per se e per gli altri nella "pensione" della clinica, anche il jawas ritorna "tra i vivi"; per i due jedi ci vorra' piu' tempo.

In totale tre giorni da dedicare alle cure ed al riposo dei malati; oltre a questi, serviranno altri due giorni per preparsi al meglio, recuperare qualche vestito meno appariscente, e, in ultima analisi, dedicarsi alla pianificazione delle prossime mosse.

In questi giorni di pausa Highbecca viene comunque tranquillizzato via radio da Nova: la sua Exxodus sta bene e non e' successo nulal di rilevante, salvo qualche trooper che ha chiesto di vedere il comandante ben sapendo che si trattava di uno wookie.

NdSM: tocca al jedi anziano andare a fare "shopping" peccato che i suoi gusti non siano raffinanti e non abbia nemmeno un buon rapporto con i soldi ... se da un lato spende poco, dall'altro riesce a procurarsi solo delle tute da lavoro (qualcosa di simile ad una tuta da meccanico/operaio) ed i suoi gusti non coincidono affatto ne' con quelli del jawas che si vede costretto a rattoppare il suo vecchio mantello super coprente pur di nascondere bene i vestiti procuratigli nal vecchio jedi, ne' con quelli del suo allievo che rimpiange le sue tutine nere in simil-pelle.

Giorni 403 - 404: LA NAVETTA.

Giunge finalmente il momento tanto agognato di andarsene dalla clinica ... "... ma e' meglio essere cauti; mandiamo Paul in perlustrazione ... e' un umano, dara' meno nell'occhio ... e poytra' dirci che situazione troveremo allo spazioporto ..." ... Questo e' il piano formulato da Geego-Gin ... ed il piano viene approvato con la variante che saranno entrambi i jedi a muoversi e non solo Paul.

Il sopralluogo porta a risultati inaspettati: sembra infatti che non ci siano probelmi ad abbandonare il pianeta se nopn uan burocrazia eccessiva e controlli maniacali delle navi in partenza; inoltre sembra che le truppe imperiali stiano interrogando, tutto sommato gentilmente, tutti i capitani delle navi in transito, quindi niente di strano nemmeno nella convocazione dello wookie.

Ecco, il vero problema si dimostra essere la burocrazia ... cosi' mentre Hope si intrattiene sulla navetta copn Nova (rimasta da sola per diversi giorni) e ne approfitta per cambiarsi d'abito abbandonando la tuta da metalmeccanico fornitagli dal suo solerte maestro, tocca al povero Paul prima sorbirsi una lunga coda e poi scorpire di non essere in grado di compilare adeguatamente tutti i moduli necessari anche solo per un semplice volo "atmosferico" (senza lasciare il pianeta). Nel frattempo gli altri tre si recano in visita dall'amico "mafioso" che li ha supportati nella loro missione ... una visita di cortesia per saldare debiti e crediti ... per cercare ancora un ultimo supporto ... e per cercare notizie su questi misteriosi attentati che hanno violata la solita atmopsfera "tranquilla" di Coruscant.

Insomma i due jedi tornano alla clinica con la coda tra le gambe ed il gruppo dovra' attendere l'indomani per la partenza vera a propria. Agli altri va meglio: vengono a conoscenza di un piccolo spazioporto privato e "nascosto"; in pratica un hangar ed una pista di decollo a disposizione di chi puo' pagare ... " ... ed a noi servirebbero giusto un paio di giorni per riequipaggaire la nave, fare i rifornimenti e preparrci al viaggio ... senza contare che avrei pensato ad un paio di modifiche da fare sulla navetta ... cosi', se avessimo una settimana di tempo da "perdere" non mi dispiacerebbe ... " proclama lo wookie senza troppi problemi.

Detto, fatto! la decisione e' presa ... e l'indomani la truppa si divide di nuovo con Highbecca ed i due jedi che vanno a recuperare la navetta e gli altgri due che vanno al piccolo spazioporto pribvato a prnedere accordi per ben otto giorni di sosta. Anche questa volta la fila per le scartoffie da compilare e' eterna, solo che stavolta lo wookie sa benissimo cosa scrivere e dove ... Si aggiunga la chiacchierata che gli imperiali vogliono fare con lui (e che in effetti fanno) ed e' subito chiaro come sia possibile perdere un giorno intero per riuscire a fare un volo di 150 km scarsi con la navetta lungo la superficie del pianeta... "Ma allontanarci sara' piu' difficile ancora..." commenta il twi'lek; "... i nostri "amici" ci hanno segnalato la presenza di almeno 1/3 della flotta imperiale in orbita attorno al pianeta ed impegnata in controlli e pattugliamenti ... Se cercano noi ... sara' durissima!".

Giorni 405 - 413: ENGINEERING.

Raggiunto il piccolo spazioporto semisconosciuto ... E raggiunto un accordo col suo proprietario dall'aria malfamata i nostri eroi si concedono 8 interi giorni per procedere ai lavori di manutenzione e rifornimento della nave; in particolare il prode wookie si dedica ad effettuare delle "... piccole ma decisamente interessanti modifiche..." che gli sono venute in mente nei giorni in cui e' stato lontano dallo spazio!

Alla fine dell'ottavo giorno Highbecca riunsice il gruppo e, eccitatissimo, esprime la sua soddisfazione: "... e collegando il generatore ausiliario alla derivazione di flusso ho migliorato l'efficenza dei nostri scudi del 20% ... mica poco ... certo ho dovuto compensare la depressurizzazione nel modulo di scambio interfasico ... ma da li' con una giunzione ai motori atmosferici ... una limatina ai thrusters ... il gioco e' fatto ... il resto e' stato facile ... e' bastato ridirezioanre gli ugelli di scarico secondari in modo da creare una sovrappressione nella matrice energetica interna e voila'!" ... quindi, resosi conto che avevano smesso di seguire il suo discroso al "generatore ausiliario" replica al silenzio che lo circonda "... in pratica abbiamo scudi piu' potenti e siamo anche leggermente piu' veloci di prima!" ... A questo punto gli altri non possono far altro che gioire assieme al loro peloso capitano.

Giorno 414: PARTENZA!

E' l'alba... I motori della navetta sono in preriscaldamento ... HIghbecca e' seduto al posto di comando ed effettua gli ultimi controlli pre-volo ... Gli algtri sono ai loro posti ... Manca solo il twi'lek impegnato a saldare il contop col loro ospite.

Pochi minuti ed anche il leader e' a bordo... Un ultimo controllo che tutto sia in oprdine e che ognuno sia al suo posto ... dalla toprre di controllo arriva il seganle di GO e ...

"Si parte! Addio Coruscant!"


Accedi per seguirlo  
Che mi seguono 0


3 Commenti


Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente registrato per poter lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account e registrati nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora