Accedi per seguirlo  
Che mi seguono 0
  • inserzioni
    6
  • commenti
    59
  • visualizzati
    238

Broken wings

Accedi per seguirlo  
Che mi seguono 0
raemar

117 visualizzazioni

La verità è che ho una paura ******a. Non lo lascio trasparire, mantengo un contegno degno di me, di un uomo sposato, di un uomo che lavora, di un uomo che sa. Di un guerriero che lotta giorno dopo giorno per trarre un po' di giovamento da lacrime e sangue. Ma la verità è che vorrei scappare.

Un amico mi ha chiesto perché non lo facessi. Per responsabilità, gli ho risposto. Mi sento responsabile, lo sento su di me come un vestito. Responsabile nei confronti di una moglie che non mi vuole più. Responsabile nei confronti di un lavoro che non ha più senso di essere. Ma forse responsabile soprattutto nei confronti di me stesso e di una vita che mi sono costruito non badando a spese e che ora viene messa a dura prova nelle sue fondamenta.

All'inizio di luglio ero felice. Di rientro dal viaggio di lavoro a Dublino ero felice. Mentre baciavo mia moglie che mi era venuta a prendere in aeroporto ero felice. Ora cosa sono? Non lo so. So che ho ancora voglia di andare là fuori a lottare. Ma non so quanto in alto si possa volare con le ali spezzate.


Accedi per seguirlo  
Che mi seguono 0


2 Commenti


Non conosco la situazione, farò delle osservazioni unicamente in base a ciò che leggo nel tuo sfogo.

La responsabilità? Fattela passare. Il lavoro si cambia, il paese dove vivere, anche. La responsabilità verso una persona che non ti vuole più, e che non è tuo figlio/a, decade nel momento in cui non ti vuole...esiste la separazione/divorzio per questo. Vivere in una gabbia di responsabilità è suicidarsi lentamente e se sei contrario (come normalmente lo sono tutte le persone) al suicidio, non devi accettarlo. Che sia difficile è innegabile, che tu, con una separazione/divorzio, ci rimetterai, forse per sempre, dei soldi...altrettanto innegabile (ma se nel 2009 ancora non si mette in conto che dovrai mantenerla anche se trova un altro uomo, si merita di essere fregati da una donna). Ma i soldi si rifanno, le leggi e dei buoni avvocati si trovano, la propria vita, ed il tempo ad essa dedicata, fugge e non ritorna. Se sei ancora innamorato di una donna che non ti vuole...sono caxxi. Con il tuo senso di responsabilità rischi di diventare il suo punchingball e il suo zerbino.

Quando sento donne così fiere di esserlo, così fiere di essere autonome, così fiere di essere superiori a noi...mi chiedo sempre come mai non abbiano mai rinunciato alla legge vergognosa del mantenimento dello stile di vita matrimoniale a spese dell'ex marito.

Dai retta a chi vede la cosa da fuori....vattene. Non è scappare, è salvarsi. Se sinceramente e senza che i sentimenti obnubilino il tuo giudizio, ritieni che il tuo matrimonio (ma non ti sei sposato da pochissimo?) sia recuperabile così come l'amore e il rispetto di tua moglie nei tuoi confronti...allora datti da fare e lotta per te e per lei, ma se inevece come nellla stragrande maggioranza dei casi "bicchiere rotto non si ripara", sei davvero sicuro di voler vivere di responsabilità fittizie e perdere l'unica vita che hai?

Condividi questo commento


Link al commento

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente registrato per poter lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account e registrati nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora