Accedi per seguirlo  
Che mi seguono 0
  • inserzioni
    16
  • commenti
    95
  • visualizzati
    752

La situazione

Accedi per seguirlo  
Che mi seguono 0
Jade Silvershine

164 visualizzazioni

Scrivo queste parole più che altro per un mio personalissimo sfogo, perché è un periodo abbastanza complicato e da qualche parte ho bisogno di scrivere quello che mi passa per la testa.

Il 9 Febbraio, che mi sembra ormai una vita fa, si è chiusa la mia vita da universitario. Sapevo che la mia laurea non mi sarebbe servita a nulla, a meno che non si fosse realizzata l'utopia di un insegnamento serio di storia delle religioni nelle scuole. Sconfortante, ma ero preparato, più o meno.

Ora sono passati 4 mesi nei quali mi sono rimesso sui libri di malavoglia per avere qualche possibilità di entrare nel settore pubblico. Ho dato diversi concorsi, ma tutto sommato mi va abbastanza bene, nel senso che ce ne sono abbastanza e sono riuscito ad entrare in due graduatorie, in buone posizioni.

Nel frattempo, ho mandato diversi cv ogni giorno praticamente, cercando di non scartare nessuna opzione. Niente di concreto fino ad adesso, anche se qualcosa si sta muovendo ultimamente, almeno così spero.

Inoltre, ho cercato di sfruttare le mie conoscenze linguistiche (giapponese e inglese) per offrirmi per lezioni e traduzioni.

Tutto questo per dire che ancora sono disoccupato e la situazione mi pesa parecchio. Sicuramente io ho delle responsabilità per la mia situazione attuale. Inoltre, ad Agosto mi sposerò. Non mi sono mai pentito della scelta, ma ultimamente per una serie di problemi i preparativi cominciano a sembrare quasi ostacoli insormontabili. Molti sembrano quasi infastiditi dal fatto che siano stati invitati.

Infine, sono diversi anni che praticamente vivo in Veneto, più di due che convivo con la mia fidanzata a Montebelluna. La mentalità della mia famiglia e di quella della mia fidanzata non potrebbero essere più distanti: l'istruzione è vista come un orpello inutile ("sprechi anni e soldi per niente e oltretutto cambi idee politiche"), l'importante è lavorare dalla mattina alla sera, mettendo il lavoro davanti a tutto, perfino alla famiglia, tanto che non si capisce per cosa si lavori così tanto alla fine. Chi lavora nel pubblico è visto come un fannullone quando va bene. Non oso immaginare quello che si dica di me e della mia fidanzata, anche perché conviviamo. Un'idea ce l'ho, comunque.

Insomma, che due balle. Vorrei emigrare.

P.S. Essendo uno sfogo, mi rendo conto di aver scritto anche inesattezze e/o cattiverie. Spero mi scuserete.


Accedi per seguirlo  
Che mi seguono 0


7 Commenti


Non posso che mandarti un abbraccio e tutta la mia comprensione, considerando la situazione molto simile in cui ci troviamo.

In realtà mi posso lamentare ben di poco, visto che di lavoro ne sto trovando (anche se a "tempo perso") e non sto vivendo alcuno scontro ideologico (al contrario di quanto avveniva nella situazione precedente).

Però anche noi abbiamo iniziato a preparare un po' di cose e ogni volta che salta fuori un dettaglio ci chiediamo se riusciremo a mettere in piedi tutto.

Continuo a chiedermi che cavolo me ne farò della mia laurea e se mai troverò un lavoro che mi permetterà di sfruttarla almeno in parte.

Alla fin fine, comunque, mi prendo l'arrogante diritto di darti un consiglio. Indipendentemente dalle voci che ti si riversano addosso, tu lasciale scivolare via, perché nulla vale tanto quanto una vita serena e senza affanno. Correre e smazzarsi è necessario in certi periodi, può essere anche esaltante in alcuni momenti, ma di sicuro deve essere funzionale alla vita e non viceversa.

Non farti portare fuori strada, perché poi ritrovarla è sempre dura. ;-)

Condividi questo commento


Link al commento

Io sono cattivo, sono cattivo con le persone che ragionano come i genitori della tua fidanzata. Sono cattivo contro chi pensa che l'unico motivo di vita sia lavorare, che essere colti, studiare e avere conoscenza, sia inutile. Ti capisco, perché sia in Veneto che in Friuli ci sono moltissime persone che ragionano in questo modo.

Con me sfondi una porta aperta quindi ti dico: EMIGRA SUBITO!!! ma se ti devi sposare assicurati che lei ti segua e non sia, tanto per rimanere in tema regionale, di quelle che "deve restare vicino ai suoi" o che "non può abbandonare la sua amata regione".Anzi, PRIMA emigrate e POI la sposi, quando ormai siete lontani. Parli giapponese, e sai quanto io ti invidi per questo. Vattene, finché sei giovane VATTENE. Fai sempre in tempo a tornare, ma non sarai sempre in tempo per andartene, soprattutto se crei dei legami troppo vincolanti (matrimonio con coniuge non disposto a spostarsi , avere un figlio o, altro esempio, mutuo trentennale).

Concordo con Samirah, lasciati scorrere addosso commenti e giudizi, non ne vale la pena. Spera solo che la tua fidanzata non abbia la stessa mentalità...sai si dice che per sapere come sarà una donna da vecchia bisogna guardare la madre. ;-)

Vai via vai via vai via....e poi comunicami l'indirizzo che vengo a trovarti :-)

buona fortuna

Condividi questo commento


Link al commento

Grazie per i consigli, Merin!

Comunque la mia fidanzata è della mia stessa idea, solo che la situazione familiare è complicata per una serie di altri motivi e non ce la sentiamo di "abbandonare" la sorella minore prima che non sia come minimo maggiorenne.

Spero non sia troppo tardi allora. Di sicuro l'Inghilterra piacerebbe ad entrambi come paese. :-)

Condividi questo commento


Link al commento

Quanti anni mancano ai 18? In pochi anni le cose possono totalmente cambiare, anche mentalmente...ci si adagia con quello che si è costruito nel frattempo. Ho imparato a mie spese che le cose "si dicono/si fanno", punto.

Procrastinare è il sistema migliore per non fare nulla.

So che se non ci si passa non si capisce, ma ti prego fidati quando ti dico che io sto facendo una fatica mostruosa per ogni singola decisione presa che vada al di fuori dei canonici binari della quotidianetà abitudinaria. E lo vedo anche in tanti altri.

Andate via....subito!

Condividi questo commento


Link al commento

un abbraccio jade. e nel caso di tua partenza... se devi, concordo con il nonno: inviami l'indirizzo.

Condividi questo commento


Link al commento

Grazie Pad! :-D

@Merin: Manca un anno ai 18. Penso anche io che procrastinare sia il sistema migliore per non fare nulla, però ci sono dei grossi "ma".

Condividi questo commento


Link al commento

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente registrato per poter lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account e registrati nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora