Accedi per seguirlo  
Che mi seguono 0
  • inserzioni
    8
  • commenti
    104
  • visualizzati
    216

Schema della mia Tesina

Accedi per seguirlo  
Che mi seguono 0
BomberDede

78 visualizzazioni

Ecco qui, in sintesi, quello che sarà lo scheletro della Tesina di Maturità che mi troverò ad esporre i primi di Luglio.

Aspetto commenti e pareri, e soprattutto critiche.

Ecco a voi:

Problema Centrale:

Può un argomento fondamentale delal nostra vita come quello del "Male" essere relativo?

Ritengo di no e vorrei quindi, con queste poche pagine, cercare un definizione di questo concentto che tanto affligge il genere umano.

Per arrivare a questo non si può però prescindere dallo studiare come, in passato, si sia visto questo problema.

Si possono riconoscere 2 strade diverse:

1) Male Disinteressato:

Lepoardi(Dialogo della Natura e di un Islandese) +Excursus sull'attività vulcanica(Visti come male per tanto tempo ma si è scoperto che l'atmosfera, e quindi la vita, esiste grazie a loro)

conclusione sul primo punto: Il Male, per essere tale, non può essere disinteressato. Il Male è ricercato. Se capita qualcosa per caso non è Malvagio di per sè.

Non possiamo definire Malvagi i terremoti, non hanno coscenza e non hanno possibilità di scelta sul loro agire

2)Male Voluto: Studio parallelo di come è stato visto il Male:

Milton(il Paradiso Perduto)

Agostino(De Civitate Dei)

VS.

Nietzsche(L'anticristo)

LaVey(La Bibbia di Satana

La conclusione finale per ora è una sorpresa.

Il mio problema, ora, è questo:

non ho molte idee su cosa aggiungere di collegamenti extra-disciplinari.

Mi piacerebbe parlare di Cinema e FUmetto ma sono un pò a corto. Se avete consigli datemeli pure.

E ovviamente anche sullo schema della Tesina

Grazie e Ciao

Dede


Accedi per seguirlo  
Che mi seguono 0


5 Commenti


Tu fai il classico, mi pare di capire, no? Dico perché hai scelto un percorso forzatamente umanistico, e non tratti materie scientifiche (salvo per l'excursus sui vulcani).

Attento che a spanne una domandina su uno dei cavalli di battaglia dei docenti italiani (naturalmente La Divina Commedia), capiterà quasi di sicuro... Allora perché non cercare di includerla? Parlando di Dante, potresti realizzare il tuo desiderio di parlare anche di fumetti, visto che il maestro giapponese Go Nagai con Mao Dante prima e Devilman poi si è dichiaratamente ispirato proprio alla Commedia. E' proprio tipico di Nagai il tema del bene e del male che convivono nell'Uomo, o meglio l'analisi del comportamento umano quando ipotetiche situazioni pongono una persona dotata di un potere tale da renderlo un Dio o un Demone (vedi i vari robottoni: la radice di Mazinga è majin, pressapoco dio-demonio): tutti, in potenza, abbiamo dentro di noi il bene e il male, solo ci serve una causa scatenante per liberarli.

Poi lì convivono varie critiche sociali e tematiche differenti, ma di base penso ti possa interessare innanzitutto la parte sulla dualità.

Condividi questo commento


Link al commento

Come giustamente hai rilevato tu, il perno della non realtività del Male (e quindi anche del Bene) è il libero arbitrio. Quindi il nocciolo della questione è: la condizionale esistenziale, di qualsiasi genere essa sia, contempla o non contempla la scelta, frutto della pura volontà individuale? E, se sì, da dove prende le mosse la volontà individuale?

Io mi concentrerei su questo.

Mi rendo conto che non c'entra un ca*** con ciò che chiedevi, ma vabbè...

Condividi questo commento


Link al commento

Fumetto non saprei, ma cinema mi viene in mente molto. Per esempio il concetto di male nell'Attimo Fuggente, dove l'amore di un genitore per un figlio nasconde in realtà il male di un rapporto falso. Ma il male può per lo più (e con questo potresti ricollegarti al tema di male disinteressato od altro) essere indifferenza, come in Profumo di Donna di Al Pacino. Ma male nel cinema è anche "I soliti sospetti" e via dicendo... insomma dal cinema puoi pescare a piene mani: c'è parecchia roba.

Condividi questo commento


Link al commento

Una cosa sulla prte del male ricercato. Sostanzialmente tu dici che la natura non può essere malvagia ma può esserlo solo l'uomo perchè lo fa di proposito, o anche non di proposito ma non completamente accidentalmente(investire qualcuno perchè si è distratti), ma se l'uomo non lo facesse intenzionalmente? QUalcuno con problemi mentali ad esempio, qualcuno che non capisce che quello è male. Non credo d'essermi spiegatoXD

Condividi questo commento


Link al commento

@Vento nero: mi sta bene, ma non concordo molto sull'includere tra i "malvagi" una persona che in veste qualcuno perché distratta ed escludere un malato di mente che ti tira una chiave del 12 in testa pensando di aiutarti a guarire dall'emicrania: in entrambi i casi non c'era consapevolezza, sebbene per motivi differenti.

Non si può discriminare intenzionalità di primo, secondo ed ennesimo grado, semplicemente c'è il male consapevole e quello inconsapevole.

Stessa cosa per il bene, per inciso. ;-)

Condividi questo commento


Link al commento

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente registrato per poter lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account e registrati nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora