• inserzioni
    76
  • commenti
    226
  • visualizzati
    603

Valerio Evangelisti - Nicolas Eymerich, inquisitore

Accedi per seguirlo  
Che mi seguono 0
Samirah

68 visualizzazioni

Stupore, compiacimento e un pizzico di insofferenza.

Ecco le sensazioni che mi ha lasciato questo libro, letto in due soli giorni, grazie alla sua fluidità e al ritmo sempre pressante della narrazione.

Come sempre succede quando il protagonista non è il buono di turno, mi è rimasto un retrogusto amaro, che però si compensa con la figura tutt'altro che fantastica di questo inquisitore, per quanto il contesto poi si sposti dal fantasy alla fantascienza.

Sicuramente il connubio tra generi differenti mi è piaciuto, perché, come sempre sostengo, un genere non deve mai risultare un'etichetta entro cui si è costretti a rimanere. I generi servono soltanto come punto di riferimenti, per capirsi insomma, ma non devono mai rappresentare dei limiti.

Tornando al libro in sé, ho apprezzato sicuramente la rielaborazione delle teorie "scientifiche" (in realtà la teoria degli psitroni non è considerata una teoria scientifica, ma quanto meno esiste ed è reale, non un'invenzione dell'autore), mescolando fantasia e realtà in un quadro surreale ma non così improbabile.

Molto interessante anche il legame creato fra i tre periodi temporali, è un qualcosa che mi ha sempre affascinata.

Insomma, un bel libro, di cui ho apprezzato la velocità e le dimensioni ridotte. Anche se di solito amo le divagazioni, credo che in questo tipo di narrativa sia fondamentale sorvolare, per non rendere il tutto troppo pesante.

Ora attendo di leggere i successivi, per vedere se alcune mie impressioni verranno confermate o meno. ;-)


Accedi per seguirlo  
Che mi seguono 0


1 Commento


Ho conosciuto Evangelisti quando fu pubblicato come Premio Urania nel '94... da tempo non lo leggo più ma la saga di Eymerich rimane una delle più intelligenti e coraggiose della storia della letteratura fantastica nostrana. In primis mette al centro delle vicende uno dei più controversi antieroi mai creati, un personaggio che vorresti uccidere pur ammirandone la sagacia. In secondo luogo, rimete in discussione in modo amaro ma nobile il tema dell'inquisizione e del fanatismo religioso, in un modo troppo acritico ed equilibrato per permettere al lettore di rimanere con una sensazione chiara e precisa di cosa sia "il giusto".

Credo che i prossimi non ti deluderanno!

Smack

Condividi questo commento


Link al commento

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente registrato per poter lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account e registrati nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora