Accedi per seguirlo  
Che mi seguono 0
  • inserzioni
    13
  • commenti
    52
  • visualizzati
    288

Carlos Salvado

Accedi per seguirlo  
Che mi seguono 0
Selvaggio Saky

36 visualizzazioni

Personaggio per CP, PbF mai partito

CARLOS “CAVEZA” SALVADO

“No chico, no chico” la testa pelata di Carlos oscillava a destra e sinistra osservando con un aria di delusione il compagno, i vari orecchini di plastica, rossi per l’occasione, dondolavano anch’essi ed i denti bianchissimi che spuntarono dalle labbra in un sorriso che non toccava gli occhi facevano capire che quello che stava spiegando era molto serio.

“Prima prendi quel che ti serve, poi lo uccidi, quante volte lo devo dire?”

Stava parlando con la sua guardia del corpo, un solitario di origine esteuropea che aveva incontrato a New York pochi anni prima.

Carlos si era trasferito nella metropoli atlantica scappando letteralmente da una città che gli stava stretta, Los Angeles, ed il tipo con lui pure, ma non si erano mai incontrati nella città californiana.

Il padre, Armando, era un militare per una piccola corporazione del sud, ormai integrata ad una più grande o scomparsa letteralmente dalla faccia del pianeta, questo non lo sapeva e non gli interessava gran che. La madre Maddalena era una ricercatrice di sostanze chimiche per la stessa, entrambi erano di origine messicana e Carlos, anche se nato negli Stati Uniti, o quel che ne rimaneva, si sentiva messicano al cento per cento.

Da piccolo vedeva il padre che rischiava la vita giornalmente per le strade di Los Angeles, doveva tirare a fine mese con i quattro soldi che percepiva, sfamando lui e la sorella, la madre invece aveva due vite parallele e separate, quella di casa e quella del segreto professionale.

La vita era dura al sud, ogni giorno si rischiava di essere assassinati per le strade dello sprawl o arrivare a casa e trovarsi orfano, Carlos aveva le idee ben chiare fin da piccolo, rischiare, ma con stile.

I primi agganci con la malavita dello sprawl arrivarono in piena adolescenza, per di più commissioni varie per i ricettatori di basso livello, la gente guadagnava così e molto, lui era sveglio ed attento, apprendeva in fretta certe cose.

Aveva la certezza che il vero rischio del mestiere era avere roba sporca fra le mani, qualcosa di tangibile. Iniziò quindi la sua attività traversa, perché avere problemi di stoccaggio merci, polizia alle calcagna e tutti questi fastidi, quando quello che importa sono soldi e rispetto?

Ricettava informazioni e contatti, sapeva, grazie ai suoi superiori, quando e dove arrivava la merce e lui non faceva altro che trovare un acquirente degno e sicuro ed organizzare il tutto, la sua parte era fatta, chiedeva parte del ricavato o altre informazioni da rivendere e così il gruppo di conoscenze cresceva e la gente iniziò a cercarlo per certi servizi.

Stava bene, conosciuto e protetto e tutto il mondo sembrava ai suoi piedi, decise quindi di allargare l’attività andando lui stesso a trovare informazioni, progetti o quant’altro poteva essere utile nello sprawl o all’interno delle corporazioni concorrenti.

Qualcosa andò storto e si mise alle calcagna gente un po’ troppo potente in città, salutò i suoi e partì senza una meta precisa arrivando a New York. Nuova città, nuove possibilità, presto iniziò a conoscere i bassifondi, dove incontrò il solitario che lo stava accompagnando ora al suo locale preferito. In quel posto si era fatto installare quelli che lui chiama “ferri del mestiere” cyberottica e cyberudito, elementi indispensabili per il suo lavoro.

“Eccoci qua chico, ma questa volta non sparire dietro ad una ragazza proprio quando mi serve il tuo aiuto, altrimenti sono guai, per tutti e due.”


Accedi per seguirlo  
Che mi seguono 0


0 Commenti


Non ci sono commenti da visualizzare.

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente registrato per poter lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account e registrati nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora