Accedi per seguirlo  
Che mi seguono 0
  • inserzioni
    6
  • commenti
    26
  • visualizzati
    238

Riguardo a questo blog

La perfetta trasposizione di una mente che crea più di quanto concretizzi, piena di idee scheggiate e frastagliate, di incostanti ondate creative. A volte in quelle ondate è possibile pe

Inserzioni in questo blog

Lothavier

Er natale romano

Spoiler:  
ok, è un po' colorito, ma chi si scandalizza? :-p

Er Natale...

Ebbene sì, stanno a arrivà le feste de Natale... so tutti contenti.. so tutti felici... so tutti più boni...

a me me rode er c**o... e divento ancora più s****zo si è possibile..

A Natale te se riempe la casa de parenti, zii, zie, cugini, cugine, nipoti, nonni, pro zii, pro zie, de tutto, gente che vedi solo pe' 2 motivi, le feste o i funerali... tocca mettese i cartellini sur petto pe' ricordasse i nomi...

Insomma se comincia er 24... dalla mattina appena me arzo mi madre parte co' la tiritera.. scenno manco me siedo pe' fa colazione che parte la lagna...

"ricordate che er 24 è vigilia, quindi er 24 pesce..." ...me la guardo ancora nel sonno e je dico "a mà, sto a fa colazione, posso magnà i biscotti o devo inzuppà na spigola nel latte???"

ma poi chi ***** l'ha deciso che er 24 è pesce... perché, si me magno na salsiccia a chi ***** do fastidio... sta cosa non la sa nessuno, ma è così...

insomma a casa ce sta n'armata de affamati, gente che pare che nun magna da na vita, aspetteno er Natale cor veleno, da metà Novembre stanno a insalatine pe' non rovinasse l'appetito... insomma oramai a casa mia non fanno più la spesa al dettaglio, l'anno scorso hanno preso 123 mq de mediterraneo e 83 mq de mar baltico... te dico solo che mi nonna stava pe infarinà e frigge er capitan findus, sto cojone se trovava a passà nello spazio de mare che s'eravamo comprati, lui co quel ***** de peschereccio azzurro...

c'è gente che conosce li peggio trucchi... de solito a cena dopo un par de portate se slacceno la cinta... mi zio l'anno scorso pe' inçu|à i parenti s'è presentato in tuta, così nun comprime e pò magnà de più...

insomma la cena scorre, se finisce de magnà ed è l'ora dei regali... in tutte la famiglie ce sta quella che vole fa l'istruita... hanno fatto la seconda elementare pe' puzza, e senti tipo mi zia che da il regalo al marito della sorella e je dice "tieni un bel CARDIGAN..." ...che mi zio c'aveva paura fosse un cane da riporto del Caucaso, ha aperto col terrore... poi co un sospiro je fa "ah un maglione coi bottoni... m'ero preso na paura"...

sempre lei è quella che fa i regali impegnati ai nipoti... viene e te fa "tieni un bel libro, che la cultura è importante..." "sì zì, sarà pure importante, ma si me regali "I 3 moschettieri" che c'ho 35 anni che ***** de cultura voi che me faccio..."

... ma la cosa più bella che va contro tutto quello che ce viene detto in televisione so i regali della nonna... So anni che sentimo dì che co' l'euro tutto è aumentato... quelle che erano 5 mila lire mo' nella nostra mente so 5 euro.. sì, er ***** che te se frega... mi nonna me regalava 50 mila lire prima, mo' uno se aspetta 50 euro... no, te se presenta co' un pezzo da 20, un pezzo da 5 e 50, 20 e 10 centesimi... che te verrebbe da daje na sediata... mi nonna è la vera risposta italiana al problema euro...

La gente se ne va a casa... Ma er peggio deve venì...

Er peggio è il 25... la notte io non ce dormo... so teso... impaurito... i preparativi pe' il 25 partono dall'immacolata.. se riuniscono le donne e se mettono a decide... che famo, che non famo... agende co' le ricette, idee, puntate registrate della prova del cuoco... poi alla fine se finisce sempre a magnà le stesse cose...

Te alzi la mattina ed entri in cucina... E le vedi li, manco stessero a sperimentà la fusione a freddo... appena provi a entrà te fanno "CHE VOI?"... "niente che vojo, un bicchiere d'acqua..." "no aspetti"... manco i vietcong ereno così... poi pare sempre che è successo qualcosa, so tutte co' la faccia disperata.. te spaventi, ce stai male e domandi... "che è successo?"... "lascia sta..."... "come lascia sta... vojo sapè... se so cose della famiglia ho il diritto de sapello"... te guardano co' la faccia distrutta e te dicono "...la besciamella ha fatto i grumi..." ....MA ANNATEVENE A ******* VOI E I GRUMI...

Da 30 anni er 25 c'ha er menu fisso... e non solo quello... la cosa peggio che pò accadè è il doppio tavolo... uno pei grandi e uno pei piccoli... dava ar ***** da ragazzino, ma adesso me fa proprio smadonnà... l'anno scorso se semo ritrovati al tavolo che er più piccolo c'aveva 25 anni... gente che è ita in guerra, gente co' 2 divorzi, però sei sempre relegato al TAVOLO DEI PICCOLI... l'unica cosa è che da 2 anni a sta parte ce danno pure i coltelli... se magna e noti che er fratello dello zio che er 24 c'aveva la tuta s'è presentato co' la tunica che ha inc**ato a un lavavetri al semaforo... sotto è rigorosamente nudo, che le mutande segano... e c'ha la faccia contenta... hai capito sì, che stratega.. er Bonaparte del colesterolo...

Er pranzo finisce... se contano i superstiti... se sparecchia se lavano i piatti e poi... e poi... se gira er mollettone e da bianco diventa verde... se comincia a giocà a carte!!! E a che se gioca, a sette e mezzo? NO! Se gioca a BESTIA!!! Er gioco dell'infamità... tutti contro tutti... er tipico momento arriva co' un piatto de na quarantina de euri... Comanda coppe... te c'hai er 3 secco... bussi... sei de mano te senti un leone... bussa solo tu nonna... te dici "nonna me vo' bene... m'ha cresciuto... Sto tranquillo..." ...cambi 2 carte... non t'entrano altre briscole ma t'entra un carico... un po' de paura ce l'hai, ma ostenti sicurezza.. la vecchia non deve intravedere il minimo turbamento in te... so come i cani, sentono si c'hai paura... parti, lanci er carico a denara... tu nonna te lo magna col 2 de coppe... cominci a sudà freddo... e te dici "no non ce lo pò avè, no, non me pò di così sfiga...." e invece che fa? cala er coppone... Poi co' lo sguardo finto dispiaciuto te dice "è il gioco.." ...te butti er 3 smadonnante, non contenta butta er 5 a spade che te c'avevi er 4... Insomma tu nonna t'ha mannato in bestia... m'ha fermato mi padre appena in tempo, je la stavo pe' da' na lamata... e che *****, già me fai i regali del ***** poi te li ripiji pure... poi dici li metti all'ospizio...

giocando giocando se fa ora de cena... parte la domanda retorica: qualcuno cena? e c'è gente che ancora c'ha er coraggio de di' de sì... Poi che vordì sta divisione cena-pranzo-cena, io so sicuro che l'anno scorso mi zio s'è messo a sede er 24 s'è rialzato er 2... arriva l'ora de salutasse... e parte la solita frase...

"...se vedemo troppo poco, tocca organizzà più spesso..."

..vedi tu nonno che se fa 2 conti, e dentro de sè dice...

"...ahò contando che er Natale viè na volta l'anno... la prossima occasione deve da esse...."

E allora parte un sonoro "ANNATEVENE UN PO' AFFA***LO"...

Che bello er Natale in famiglia...

Lothavier

WIP - Nebel(?)

Un paio di giorni fa ho avuto un'ispirazione improvvisa, un'idea vecchia che finalmente ha trovato il motivo per avere una forma quando si è legata con un'altra. Percorsi mentali deviati sono la Via!

Due canzoni che mi si sono legate nella mente, anzi per essere precisi una canzone e un video: Nebel dei Rammstein e The heart asks pleasure first di Michael Nyman (mi sa che alla fine il nome sarà questo, invece di Nebel).. 1+1=2

Questo è solo un frammento, ovviamente è pieno di esperimenti, molti colori sono ancora troppo piatti, molti particolari sono abbozzati, quindi la domanda mia e vostra è "allora che cavolo lo posti a fare?"

Perchè.. beh, serve un motivo?

nebwip1.jpg

prima di leggere commenti e critiche e consigli (che spero arrivino numerosi), permettetemi una constatazione: ODIO I CAPELLI! Il resto piano piano lo sto imparando tutto, ma i capelli mai! questo è il massimo che mi riesca, e nemmeno sono sicuro di come abbia fatto.. sigh.. se qualcuno ha suggerimenti a riguardo che non siano tutorial (tutti quelli che ho visto non mi sono serviti) lo apprezzerei tantissimo ^^

Ok, a voi :mrgreen:

Lothavier

Tanto per poter dire ogni tanto "ma io ho una storia in sospeso", mi è venuta voglia di superare uno dei blocchi, ovvero lo stato dei personaggi. Alcuni hanno decisamente bisogno di una revisione, sia psicologica che grafica.. mentre per la prima posso arrangiarmi, la seconda vorrei che venisse vista anche da occhi esterni.. ma non occhi a caso, diciamo i vostri, oh fidi Draghi :-p

Cominciamo con un monaco mezzovampiro.

vog1.jpg

Mezzo secolo senza quasi bere sangue, schiavitù e casini vari, quindi aspetto orribile. Doveva essere mezzo decomposto, ma alla fine ho preferito dargli un aspetto più umano (ma faccio sempre in tempo a cambiare :lol:).. sono indeciso sulle gambe, non so quanto sia il caso di deteriorarle considerando che fa più danni di chuck norris. cmq è un inizio ^^

alla prossima!

Lothavier

Malkav. Un nome che nessun essere vivente ricorda, e pochi non-viventi riconoscono. Ma non è da lui che tutto ha avuto inizio, no. No, tutto è cominciato con Caino, e lui sì che è conosciuto da voi umani.

Secondo il Libro di Nod, Caino uccise suo fratello Abele per obbedire alla richiesta di Dio di sacrificare ciò che amava di più al mondo. Certo, questa è solo la storia ricostruita… ridi pure, se ti va.

Malkav. Noi discendiamo da Lui. Noi siamo Lui!

Il più grande saggio del suo tempo, custode di verità, come lo erano i suoi fratelli Saulot e Set. Saulot il santo, che aspirò all’immortalità dell’anima seguendo il sentiero fornito da Gabriele, quello stato di trascendenza in cui pochi Fratelli osano credere, Golconda. Oh, non che abbia mai conosciuto qualcuno che avesse raggiunto Golconda, possono essere nient’altro che storie, come quelle che i mortali si raccontano intorno al fuoco. E noi non possiamo certo parlare di Lui, Malkav, in questo modo. No.

E Set? Si dice fosse un principe, e che condividesse parte di quella Conoscenza, o che ne custodisse una diversa. Almeno, questo è quello che ho sentito nell’Arazzo, una volta. Cos’è l’Arazzo? Beh è… ah, non distraiamoci, facciamo un passo per volta, vuoi?

Si dice – mi stai ascoltando? – che fu Malkav stesso a disegnare col suo sangue il terzo occhio dei Salubri sulla fronte di Saulot, quando questi partì. Questa, tanto per dirne una.

Ma in realtà, su Malkav puoi trovare solo fonti discordanti, proprio come le schegge della sua mente. Ad esempio, puoi leggere, come ho letto io, che il suo sire fu Ynosh il Legislatore, che amava Malkav per la sua saggezza. Oppure che fu Zillah la Bella a fare suo il nostro progenitore, durante un’assenza di Caino. O ancora che Irad il Forte scelse Malkav proprio per la forza della sua anima e della sua mente. Quale che sia stato dei Tre non importa poi molto, tanto non si sa nemmeno se sia stato maledetto con le visioni, o scelto per le sue visioni.

Malkav era un grande veggente, lui vedeva, o così dicono le leggende e l’Arazzo. Forse Lui aveva già visto cosa sarebbe successo, che i Tredici si sarebbero rivoltati contro i Tre. Caino, al suo ritorno, maledisse tutti i Tredici in proporzione ai loro crimini, credo. Sarebbe una spiegazione plausibile. Che sia così o meno, non sta a noi giudicarlo. Caino punì Malkav, questo è innegabile, ed è irrilevante se l’abbia fatto perché Lui aveva distrutto un’immagine di Caino, se è stato per la Sua eccessiva vicinanza a Zillah, o perché le visioni del futuro gli avevano confermato le parole dei quattro angeli.

Perché non sappiamo tutto? Perché anche l’Arazzo è contaminato, la nostra mente.

Quante storie, vecchie di millenni e ormai prive di una qualsiasi possibilità di essere confermate o smentite. Ma può aiutarci, giusto? Aiutarci a capire il presente, e perché noi vediamo e gli altri no.

La nostra mente.

La Sua mente. È la Sua mente che noi Malkavian condividiamo. È Malkav stesso che pulsa nelle nostre teste e ci lega l’uno agli altri. L’uno a tutti gli altri. In tutto il mondo, sì.

Oh, andiamo… Sei troppo intelligente per capire che non è come parlarsi per telefono con un Fratello di Monaco o Dublino. O almeno, dovresti essere abbastanza intelligente per capirlo. A volte mi dimentico cosa è da mortali e cosa no. È passato un po’ di tempo, capisci…

Comunque, no. Siamo legati pur restando divisi. Ma a volte, nell’Arazzo che è Malkav risuona qualcosa di nitido. Come posso farti capire… è come quando sei in mezzo a una folla a un congresso o allo stadio, e una voce riesce a sovrastare le altre gridando “pentitevi dei vostri peccati e la briscola è bastoni!”… Non c’entra assolutamente nulla, ma è fortissimo, e proprio per queste due caratteristiche ti colpisce e, almeno all’inizio, lo stai a sentire. Ecco, più o meno è così, ma diverso. In che modo è diverso? Non saresti in grado di capire…

E come dicevo, nessuno può sapere quale sia in effetti la vera origine. Pare che Lilith non insegnò tutto a Caino, e che per vendicarsi di lui andò ad aprire la mente di uno degli infanti. E Malkav bevve il sangue del suo sire, lasciò che la sua essenza entrasse in lui, nelle sue vene… Ma era troppo, non poté sopportarlo, e questo lo fece impazzire. Ancora un riassunto da un passo del Libro di Nod, nient’altro. Certo è che la mente di Malkav, così frantumata, non può più aiutarci nell’Arazzo a trovare la chiarezza. Le risposte continuano a sfuggire, e continueranno a farlo fino al Suo ritorno e forse anche oltre.

Come che siano andate le cose, anche i Figli di Malkav seguirono la Sua sorte, e la stessa cosa toccò ai figli degli altri dodici nipoti di Caino. Ancora oggi ne portiamo i segni, come forse già sai. C’è chi ci crede e chi no. Io lo faccio, perché lo so. Credo alle sembianze ripugnanti ricevute da Absimiliard e relativi figli per il suo narcisismo, all’aspetto animalesco guadagnato dai figli di Ennoia, alla passione ossessiva della progenie di Arikel. Noi abbiamo la Vista.

Così, questa è l’origine di quella che gli altri definiscono pazzia. Peccato che non siano come noi, perché cambierebbero idea. E meno male che non sono come noi, perché cambierebbero idea. E tu? Cambierai idea? Beh non credere che sia finita, c’è ancora molto da dire.

La Seconda Città, ad esempio. Anche qui, l’Arazzo contiene solo ricordi sfocati e distorti. I Tredici divennero nemici, fuggirono dalla Seconda Città. Malkav fu preso. Sì, esatto, e ovviamente puoi immaginare da chi. Non ne hai idea? Complimenti, risposta esatta! Malkav fu straziato, distrutto, annientato, il suo sangue bagnò la terra come fosse pioggia. Ma non morì, oh no che non morì. Non si può distruggere un dio in questo modo, non basta, no. C’è chi dice che i suoi figli leccarono il sangue dalla terra stessa portando così Malkav dentro di loro… e quindi dentro di noi. La rete neurale del nostro clan non è altro che questo: i nervi di Malkav non più fatti di carne che ci uniscono tutti. E in ogni caso, a quanto si dice, e per quanto io stesso possa sentire, la carne di Malkav non fu mai baciata dalla luce del sole. No, io so benissimo che non è morto, perché lo sento nella mia mente e in ogni fibra del mio corpo. Cosa ne vuoi sapere…

La nostra storia è costellata di eventi, come puoi ben immaginare, e non credere che non riguardino accadimenti storici che non conosci. Sapessi quanto i Brujah siano ancora avvelenati per la distruzione della loro cara Cartagine… Noi, i Ventrue e i Toreador, da Roma, li abbiamo spazzati via. Perché, dici? Perché il loro ridicolo tentativo di ricreare una città in cui Fratelli e Vacche potessero convivere era, per l’appunto, ridicolo. E prima che me lo chiedi: no! Nerone non era uno di noi! In compenso, era una di noi la veggente interpellata dal principe di Roma. Fu lei a vedere il pericolo costituito da Cartagine, la reazione fu immediata. E non credere che i Brujah pensassero davvero a convivere con i mortali. Un lupo non convive in un gregge di pecore, no?

Ma tutto decade, e successe anche a Roma. Ciò che seguì, la Lunga Notte, il medioevo, fu perfino peggio. La Chiesa era una cosa recente, ma aveva tante potenzialità, i Fratelli non potevano starle lontano troppo a lungo. Intere nazioni erano guidate nell’ombra dai Fratelli, che assoggettavano i sovrani mortali. Molti altri divennero parte della nuova religione, in particolare i Lasombra sembra si siano molto affezionati alla Chiesa. Hai idea di quanti papi vampiri ci siano stati?

È molto probabile che le ridicole sciocchezze che parlano di crocifissi, aglio e acqua corrente siano state messe in giro da noi stessi, e questo ha portato alla fine di molti cacciatori di vampiri. Sai, solo una forte fede può fermare o addirittura danneggiare uno come me, come noi. Nel medioevo, anche certi contadini erano in grado di cacciarci via, ma oggi… Potrei andare da un prete o da un cardinale, strappargli il crocifisso di mano e infilarglielo in gola prima che possa anche solo vedermi.

Il medioevo è anche il periodo che ha visto la fine di Saulot. Sicuramente, Malkav vide la sua morte, o almeno la sua scomparsa. Nei secoli, ma soprattutto di recente, ho sentito fin troppe volte strane voci nell’Arazzo. No, in realtà quell’idiota di Tremere non è stato nemmeno capace di annientare suo padre. Saulot non è affatto morto, e tornerà. Credimi.

Può sembrare strano che noi, proprio noi, non ci siamo rivoltati contro gli Usurpatori. Pensare che Tzimisce e Gangrel intrapresero una guerra per il crimine commesso verso Saulot. Anche alcuni di noi si unirono, ma pochi. Perché? Perché noi vedevamo, e non eravamo affatto certi di Tremere. Saulot poteva essersi divorato da solo, o aver bevuto le stesse anime. Forse, semplicemente, Saulot vive dentro Tremere, magari per sua scelta. Non abbiamo punito un idiota che è stato creduto più colpevole di quanto fosse in realtà. I Tremere sono dei poveri illusi, sono vampiri per modo di dire, per acquisizione e non per nascita. Stanno dietro. Perfino dietro i Giovanni, che sono anche più illusi dei Tremere ma almeno sono dei vampiri veri..

Quindi, cosa resta? L’inquisizione, ovvero quello che portò i vampiri, povere creaturine spaventate e indifese, a cercare di correre ai ripari mentre i loro rifugi venivano dati alle fiamme.

La Camarilla, già. Fu creata per questo, e nacque la Masquerade. Devo dire che è servita, ma è stato arduo raggiungerla. Immaginala come un muro: le vampiri erano i mattoni, ma i mattoni non stanno su da soli, no? Certo, hai ragione, ci vuole la malta. Cenere. È stata questa la malta della Camarilla, è eliminando chissà quanti Fratelli che la setta è nata. Una setta che richiede discrezione e segretezza… sicuramente ci avrebbero sterminato volentieri, per la nostra tendenza a farci riconoscere. Come se i Nosferatu passassero inosservati… Oh, lo fanno, eccome se lo fanno, ma basta guardarne uno per avere gli incubi per settimane. Come pretendi di salvaguardare la Masquerade con quella faccia? Eppure lo fanno, e sono maledettamente efficaci. In certi casi, perfino affidabili!

Come è potuto succedere allora? Interferenze esterne. Due nomi risuonano nell’Arazzo e appaiono dalle cronache del tempo: Unmada e Vasantasena. Padre e figlia, forse. Forse amanti. Una cosa sola. Dall’oriente.

Non potevano vedere come noi, eppure vedevano, e riuscivano a comunicare con noi Malkavian.

E noi andammo dagli altri clan, che erano spaventati dalla nostra famiglia. Alla fine, i Malkavian sono nella Camarilla soprattutto per una ragione: gli altri non ci volevano contro di loro. La solita storia del “se non puoi batterli, unisciti a loro”, suppongo…

Ma sto divagando, in realtà non ti interessa poi così tanto, vero?

Il punto siamo noi. Ad esempio, il cambiamento…

Fu opera di sei Matusalemme. Sei, ti rendi conto? E forse anche qualcuno di più potente, in segreto. Il motivo? Restare nella Camarilla. La… “febbre”… della nostra mente poteva rappresentare un rischio, così ci sacrificammo. Alcuni vennero risparmiati, in realtà, ma sono stati molto pochi. Questi si unirono al Sabbat, i mutati alla Camarilla. Questo è quello che dicono.

Se funzionò? Beh, siamo nella Camarilla, no? Quindi funzionò. Ma… heheheh, scusa se rido, ma… gli altri non si accorsero mai della differenza! Quindi non funzionò. Ah, lasciamo perdere, quesiti inutili. Quello che è certo è che se Malkav stesso, come dicono alcuni, ha voluto e causato il cambiamento, allora è più vivo e potente di quanto sia mai stato, e il suo ritorno sarà un inferno per tutti.

Mi guardi strano, non mi credi, mi credi pazzo, e forse hai ragione. La nostra famiglia sostituì la sua capacità di aprire le menti altrui con il semplice controllarle, pur restando gli stessi che eravamo. E una mente controllata da un Malkavian non può che diventare simile alla nostra.

Cosa pensi di vedere quando il vento muove le foglie cadute sull’asfalto in autunno? Cosa pensi di vedere quando la pallina gira sulla roulette? E quando il fuoco genera il fumo? E quando il fiume scorre sotto i ponti?

Sì, lo so. Tu vedi foglie, pallina, fumo e acqua, vero? Lo so, cosa credi?, quello che vedi tu. Ma io no, te lo assicuro, e se avessi il mio sangue e la mia mente lo vedresti anche tu.

Sono pazzo? Beh, spero che tu non lo dica solo perché sei qui, con una corda che ti lega a una sedia, davanti a un vampiro che parla tenendo in mano una freccia da arco. È solo una precauzione.

Siamo tutti pazzi? Ah beh, se lo dici tu che sei normale, c’è da crederci.

Anche perché, negli ultimi anni, l’antica caratteristica è tornata e il grande scherzo fatto alla Camarilla è stato rivelato. Chissà se i Malkavian del Sabbat hanno imparato qualcosa… Ma penso di no, visto che non si pongono domande. Per il Risveglio, noi incolpiamo loro, così la Camarilla è contenta. In realtà, non sappiamo nemmeno noi perché sia successo. Forse Malkav si sta svegliando, o forse la morte di Ravnos è penetrata nella Ragnatela sconvolgendo l’operato dei nostri Matusalemme.

Sì, Ravnos. Noi sentimmo anche lui, quando si risvegliò in India, bevve, combatté sotto tre soli e infine morì, portandosi dietro tutta la sua progenie. Lo sentimmo fin troppo chiaramente.

Sì, forse questo è stato solo l’inizio della fine, della Gehenna…

Scusami, ma il solo nome fa tremare l’Arazzo in un modo che neanche immagini. Lasciami riprendere un secondo.

La Gehenna sarà la fine, dice il Libro di Nod, dicono le leggende, diciamo noi. I nostri Antidiluviani si sveglieranno, almeno quelli non ancora distrutti, e il mondo sarà profondamente sconvolto. Le visioni sono sempre più frequenti, per noi. Anche adesso, proprio mentre parlo con te che mi guardi con quegli occhi spaventati, io vedo cosa succederà. Siamo condannati, noi Malkavian, condannati a vedere. E vediamo, certo che vediamo, con la chiarezza con cui tu vedi me, adesso.

Il sangue scorre come l’acqua, diluito e indebolito, e sarà da queste zanzare in forma umana che nascerà l’Araldo. Nell’Arazzo si agitano pensieri e figure, ogni notte molti di noi si svegliano in preda ad incubi premonitori, con lacrime di sangue.

La Gehenna, la fine del nostro mondo, sta arrivando. Queste sono le Ultime Notti.

Come recita un nostro antico proverbio: “Se vedi che stai scivolando nella follia, tuffati!

Cosa siamo, chiedi? Vampiri. Cacciatori di sangue, quello che credete di sapere di noi. Questo e molto di più. Sì, alcuni di noi possono essere decadenti come quelli dei libri, nobili o dannati, ma in generale siamo tutti predatori. E voi, i cari umani, soltanto le prede. Perché invecchiando diventiamo più forti, più saggi, e più pericolosi, mentre la vita diventa sempre meno importante. Non osiamo farci vedere in mezzo a voi, perché il vostro numero ci spazzerebbe via in una notte, ma nonostante questo siete sempre voi le vittime. Manipoliamo i fili da secoli, potremmo anche Abbracciarvi tutti e popolare il mondo di vampiri, ma a che pro? Troppa competizione e troppo poco sangue. No, ci siete molto più utili da vivi.

Questa è l’unica cosa che ci accomuna agli altri clan. Per il resto, loro detestano noi e noi loro, chi più chi meno. La Camarilla? Per favore, un po’ di serietà… La Camarilla è tutta facciata, e crollerà sulla testa dei Ventrue prima della Gehenna: i Gangrel se ne sono già andati, i Brujah sono di spirito anarchico, odiano i Sangue Blu e mantengono la Masquerade per conto loro, i Nosferatu la supportano, ma il loro aspetto gli impedisce di farlo attivamente e devono restare nelle fogne che abitano, i Toreador sono burattini, i Tremere nemmeno li definisco vampiri, i Ventrue scricchiolano sotto il peso. E noi siamo Malkavian e basta, siamo già una famiglia. Io, nello specifico, me ne frego abbastanza: le tradizioni della Camarilla fanno comodo, rispetto la Masquerade perché mi fa comodo, e nient’altro. Se la seguissi alla lettera, non dovrei nemmeno parlare con te, ma ucciderti immediatamente.

Ah, non preoccuparti, poso la freccia, d’accordo? Se basta a tranquillizzarti…

Come dici? Ah, no, non temere: non ti sto dicendo tutto questo perché tanto ti ucciderò, no. L’avrei già fatto, credimi. Hai fatto il tuo ingresso nel mio rifugio, sotto questo lunapark, pronunciando il nome di un dio fatto carne, mostrando una conoscenza acquisita facendo ricerche estremamente accurate su di noi. Per questo molti dei concetti che ho espresso ti saranno familiari, e molti altri no. Ma forse quel poco basta a farti capire, a farti vedere… Sei una persona brillante, sarebbe uno spreco eliminarti, è molto meglio aprirti la mente.

Come? Scusa, ti tolgo il bavaglio, va bene? Ah, non vuoi vedere? Avresti dovuto pensarci prima, i ghoul capaci sono difficili da trovare, si limitano ad essere affidabili. Quindi, a meno che tu voglia davvero diventare il mio prossimo drink, è meglio che tu beva.

Ah, sì… il tuo folle istinto di conservazione ha deciso per te, sei la persona giusta, lo sapevo… la nostra famiglia sarà contenta.

Lothavier

(Il bg del mio personaggio in un pbf che è finito dopo una pagina, ambientato nel 1990, quando c'è stato il casino col Sabbat a Milano)

Era notte. Pioveva. La strada e la piazza erano deserte, e per lui era meglio così. Da mesi stava pedinando Carlos Helguera, un piccolo trafficante d’armi che sembrava volersi mettere a fare sul serio, e ora ce l’aveva a pochi metri, dentro quel capannone.

Xavier von Ralich era italiano, ma discendeva da una nobile e ricca famiglia bavarese padrona di diverse banche, cosa che gli aveva permesso di vivere un’infanzia serena e agiata, a parte dei particolari che gli altri avrebbero definito quantomeno “strani”, ma che per lui erano invece del tutto normali.

Nonostante la ricchezza, o forse proprio a causa di quella, o chissà per cos’altro, Xavier aveva deciso di non permettere al denaro di controllarlo come sembrava fare col resto dei von Ralich, e così a diciassette anni era partito volontario per il servizio di leva. Ora, a ventotto, era uno dei migliori della sua stazione di Polizia, all’Eur, un grande quartiere a sud di Roma.

Adesso però non si trovava nella sua città natale, ma nella lontana Milano, a pochi chilometri dallo stadio Meazza, dentro la sua Fiat Uno nera, in attesa. La musica era bassa, il tema di Batman era al suo culmine, poco prima della fine. Aveva visto quel film appena uscito solo tre sere prima, e ora si sentiva un po’ così, un cavaliere oscuro a caccia dei criminali.

Carlos uscì, Xavier controllò la sua pistola e, non appena il criminale fu alla distanza minima, scattò fuori dall’auto e gliela puntò contro.

«Fermo! Alza le mani, Carlos!»

L’uomo sembrò sorpreso e alzò istintivamente le mani, ma poi cominciò a correre verso l’uscita del parcheggio, inseguito repentinamente dal poliziotto.

«Fermo, Hulguera! Non costringermi a spararti!»

«¡Tu es loco, hijo de puta!»

Xavier udì distintamente le parole, e per sua fortuna erano praticamente le uniche di spagnolo che conoscesse. Le sue gambe cominciarono a macinare metri su metri, finché raggiunse Carlos e riuscì a placcarlo contro un’auto parcheggiata.

«Sei in arresto, Carlos», disse trionfante immobilizzandolo e tirando fuori le manette. «Hai fatto male ad andare da solo alla consegna. A proposito, non sai che non si scherza sulle mamme?»

Xavier lo ammanettò e gli diede un paio di destri, per rimarcare il concetto. Lo condusse rudemente verso la macchina, e nel tragitto il trafficante tentò di scappare un paio di volte, beccandosi ogni volta qualche calcio o pugno.

«¡Policia… Violenta!»

«Sì, come nei film!»

Mentre attraversavano l’ultima strada buia, un’Alfa sfrecciò davanti a loro e un uomo armato, affacciandosi dal finestrino, cominciò a sparare urlando qualcosa in spagnolo. Xavier aveva la pistola già in mano e sparò tre volte quasi alla cieca, riuscendo però a colpire di striscio il suo attentatore, mentre Carlos, approfittando di quel diversivo, raccolse una bottiglia di vetro da vicino a un cassonetto e la spaccò in testa a Xavier. Tentò di fuggire verso i suoi compagni, ma il poliziotto gli sparò un colpo dietro la schiena e lo uccise, lottando per non svenire.

Un’altra auto arrivò in senso opposto, un’auto di lusso – non che Xavier se ne potesse accorgere – che rischiò un brutto frontale con l’Alfa.

Xavier perse del tutto i sensi, e non vide i tre gangster che scendevano, imitati dal nuovo arrivato, e non vide nemmeno mentre i loro colli venivano girati senza fatica, né ovviamente si accorse di essere sollevato di peso e buttato dentro la Mercedes.

*****

Xavier si risvegliò la mattina dopo in una stanza debolmente illuminata e senza finestre, con un uomo assonnato che lo vegliava. Lo riconobbe subito.

«Zio!»

Il parente gli sorrise e lo salutò, spiegandogli cos’era successo e di come fosse stato fortunato che lui fosse passato di là proprio in quel momento.

«E che ci facevi là, tu?»

«Ho parlato al tuo commissario, sai che siamo amici oltre che ex-colleghi, e allora sai com’è…»

«Sì, ho capito… Beh, grazie, ti devo la vita, zio.»

Till von Ralich scrollò le spalle, come se non avesse fatto niente di speciale.

«Ora però dovrai tornare a Roma, qui non è sicuro per te, adesso.»

«Sto bene, posso muovermi, posso partire anche subito.»

«Bravo, prima è, meglio è.»

Xavier uscì dalla villetta fuori città nel primo pomeriggio, con un gran mal di testa, diretto all’aeroporto.

Tornato a casa, il commissario Brassi non fu troppo contento della morte di Carlos, ma capì che anche il suo protetto aveva rischiato molto. Gli concesse qualche giorno di riposo, mettendo altri a seguire la pista spagnola che portava fino a Malaga.

Poche sere dopo, il 29 ottobre, Xavier si trovava a casa sua, un appartamento piccolo ed essenziale, quando qualcuno suonò il suo campanello.

Aperta la porta, fu salutato dal calcio di un fucile che quasi gli ruppe il naso, gentile omaggio di quattro individui molto dispiaciuti per la brutta fine fatta da Helguera.

Xavier si difese come poté, riuscendo anche a stenderne un paio a suon di pugni, sedie e posacenere vari, ma ancora una volta apparve il caro zio a salvare il salvabile facendo fuoco contro i gangster.

Non ci fu tempo di dire nulla, perché Till si avventò contro suo nipote e affondo canini che nessuno aveva mai visto così lunghi e aguzzi. Svuotato del fluido vitale, il vampiro si tagliò il polso e versò qualche goccia di sangue nella bocca del ragazzo morente.

Nella frenesia e nella confusione, spinto dall’istinto di sopravvivenza, Xavier bevve il sangue dello zio ponendo fine alla sua vita mortale.

«Mi sei costato molto, caro nipote», gli sussurrò nelle orecchie ormai morte, «Carlos era un mio buon amico e speravo di farlo partecipare alla nostra simpatica guerra millenaria. Ma tu sei stato più forte, quindi immagino che debba accontentarmi di te.»

Xavier perse i sensi. O forse, semplicemente, morì.

*****

Le settimane successive furono molto confuse per l’ormai ex poliziotto. La sua famiglia era sempre stata con le mani in pasta nell’occulto, antenati streghe, stregoni, vampiri, alchimisti. Non aveva mai creduto nel paranormale, benché i riti officiati dalla sua famiglia avessero sempre rappresentato una normalità per lui.

Ora si rendeva conto che anche la sua nuova condizione era normale, come le voci nella sua testa e gli insegnamenti del suo Sire, l’odiato zio, come il modo in cui ormai percepiva le ombre, come l’opprimente e paranoica sensazione che non stesse disponendo personalmente della propria vita.

Aveva perso completamente la sua identità, ricordava a frammenti il suo passato, non riconosceva in se stesso un von Ralich, ma solo un individuo solitario con la notte, le ombre e le voci come sue uniche compagne, il sangue suo unico amore.

A parte la sua famiglia, permise solo a un paio di persone di conoscere il nuovo Valdemar che aveva fatto la sua comparsa nel mondo.

Per il resto dell’umanità, lui non esisteva.

Era un Malkavian, e la sua missione personale la conosceva fin troppo bene.

Lothavier

Indirizzo Sconosciuto

Siete arrivati qui? Bene! No, niente focaccine, mi spiace.

Cosa ci sarà qui? Quello che capita, quello che mi esce dalla mente e dalle mani.. disegni, schizzi, bozze, forse piccole composizioni e racconti, se riesco a sviluppare un po' di capacità di sintesi :-p Forse qualche riflessione riguardo a questi campi, qualche Cungi, qualche preghiera al Pesce Palla.. le solite cose, lo sapete, no?

Allora, per me si va nella perduta mente, quindi guardatevi pure intorno e lasciate pure un commento voi ch'entrate!

Accedi per seguirlo  
Che mi seguono 0